Voglio affittare la mia casa vacanze a turisti e per brevi periodi

Miki, voglio affittare la mia casa vacanze a turisti e per brevi periodi, come posso fare? Miki, come posso affittare una casa ad uso turistico in regola senza violare tutte le nuove normative emanate in questi ultimi anni?

E’ una domanda che si pongono migliaia di proprietari ogni giorno.

Essi hanno capito che la locazione sta evolvendo in una nuova era. Ormai è palese ed inoltre è sotto agli occhi di tutti, affittare casa in modo tradizionale (usando i vecchi mondi), non permette più di avere enormi profitti come una volta.

I margini si stanno assottigliando sempre di più ed è ormai indispensabile per i locatori capire come evolversi e adattarsi ad un mercato immobiliare in continuo e incessante cambiamento.

Le tasse, il fisco, l’emanazione di nuove normative, i costi per la manutenzione e per il mantenimento dell’immobile in buono stato, la prossima riforma del catasto prevista per il 2026 che molto probabilmente aumenterà la pressione fiscale immobiliare, tutte queste preoccupazioni stanno spingendo sempre più proprietari a farsi questa domanda: come posso affittare casa per brevi periodi e triplicare i miei guadagni?

7 cose che devi sapere prima di affittare ai turisti la casa vacanza ecco le nuove regole degli affitti brevi.

Nel web e su YouTube compaiono ragazzetti che ti spacciano la locazione breve e ti incantano con paroline dolci, leccandoti come un gelato e dicendoti che è possibile gestire una casa vacanza a distanza in modo semplice e senza problemi.

Falso!!!

Affittare una casa ad uso turistico non è un gioco da ragazzi, tale pratica richiede conoscenza, cura dei particolari e attenzione ai dettagli, che, qualora questi non siano applicati correttamente, porteranno solo frustrazione, controversie con i turisti e pessime recensioni dei turisti.

I turisti che soggiorneranno a casa tua, sia Italiani che Stranieri, cioè quelle persone che ti porteranno i soldi, pretendono cura, coccole e attenzioni.

Essi non vogliono rapporti freddi e scontati, essi esigono che il posto in cui andranno a soggiornare sia un luogo pulito, un luogo dove poter fare una bella esperienza, pretendono di essere coccolati. In sostanza, essi desiderano un posto magico dove poter ritrovare il relax che hanno perso per colpa della vita frenetica a cui sono sottoposti quotidianamente.

Gli affitti brevi : la nuova disciplina fiscale prevede multe che oscillano dai 500 fino ai 5000 euro per i furbetti

Inoltre caro locatore o carissima locatrice devi sapere che negli ultimi anni, sono cambiate molte cose, il Ministero del Turismo o meglio il nostro Governo Italiano, ha emanato alcune importati leggi che hanno messo un freno alla pratica selvaggia delle locazioni brevi.

Oggi, chi desidera affittare casa vacanze senza partita iva, in modo non imprenditoriale o meglio in modo privato senza aprire una società deve attenersi alle disposizioni contenute nel DECRETO-LEGGE 24 aprile 2017, n. 50 (legge sulla locazione breve) alle varie circolari emesse dall’Agenzia delle Entrate e alla nuova disciplina fiscale affitti brevi (Legge n. 178/2020 Legge di Bilancio 2021).

Scopriamo come affittare una casa vacanze in regola

Per tutti i locatori che violano la normativa sugli affitti brevi, il Governo ha previsto multe che oscillano dai 500 ai 5000 euro (doppia in caso di recidiva)

Esatto, hai capito bene. La legge è chiara. Oggi tale disciplina è stata regolamentata e disciplinata in modo preciso.

Coloro che intendono avviare l’attività di locazione turistica sono tenuti a registrare la struttura nell’anagrafe regionale delle locazioni turistiche e chiunque affitti per brevi periodi, anche di un solo giorno e sia sprovvisto del CIR o CIS (codice identificativo di riferimento) è passibile di sanzioni salatissime.

E’ bene precisare che non ti serve creare una società per affittare la tua proprietà ai turisti e non è assolutamente necessaria la partita iva per affittare appartamenti. Questa pratica riguarda solo chi affitta o gestisce fino un massimo di 4 immobili.

ll locatore privato, o meglio, quella persona che intenda praticare la locazione turistica NON imprenditoriale, deve esporre il codice identificativo dell’alloggio pubblicandolo nelle parti informative delle piattaforme digitali o sui siti internet di prenotazione ricettiva.

In alcune regioni è addirittura obbligatorio esporre il CIS o CIR su targa all’ingresso esterno dell’edificio che comprende l’alloggio, salvo vi sia una disposizione che vieta l’affissione, anche temporanea.

L’immobile nel quale è svolta l’attività deve possedere, come ogni immobile ad uso residenziale, la conformità urbanistico-edilizia ed igienico sanitaria (Agibilità – impianti a norma).

Ma non è finita qui, attenzione!!! Affitti brevi, la normativa cosa dice ancora?

Uno delle nuove regole casa vacanze riguarda l’adempimento presso la Questura ai fini della pubblica sicurezza. In pratica il locatore ha l’obbligo di denunciare entro le 24 ore, la presenza degli ospiti nell’immobile.

Il proprietario inoltre deve comunicare entro i primi 10 giorni del mese successivo i dati degli arrivi e presenze turistiche e l’eventuale loro mancanza, in sostanza si tratta di una rilevazione dei flussi turistici ai fini ISTAT.

L’attività di locazione turistica può essere esercitata da chiunque ha la legittima disponibilità dell’alloggio (persona fisica, persona giuridica, società, ente, associazione, agenzia mandataria).

Ecco 6 regole per affittare una casa vacanza a turisti e triplicare i guadagni?

Pensi ancora alla favola che basti inserire il proprio annuncio pubblicitario nei migliori siti per promuovere e affittare la propria casa all’estero ? Pensi ancora che a sia un giochetto da ragazzi e che il primo pinco pallino Italiano o Straniero ti porti i soldi a casa?

Ne parleremo nei prossimi giorni. Continua a seguirmi. Parleremo anche del Regime fiscale casa vacanze non imprenditoriale. Ho importanti novità che aiuterà molti proprietari a capire come iniziare facilmente, da zero e massimizzare i guadagni grazie alla locazione breve turistica.

Un caro saluto
MIki Martinazzi

Miki Martinazzi

👉👉 Miki Martinazzi è consulente, specialista e punto fermo nel mercato delle locazioni abitative sicure dal 1997. Le strategie di Miki, l'ultra ventennale esperienza e la sua specializzazione, consentono ad ogni locatore di corazzare l'affitto aumentando guadagni e massimizzando i profitti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *