fbpx

Contratto a canone agevolato, spiegato bene e semplice.

La saga continua…. parte 2

Nella prima parte dello scorso articolo, ho spiegato come realmente funzionano le cose nei corridoi della burocrazia Italiana, se non lo hai ancora letto, ti consiglio di farlo prima che tu, e il tuo inquilino vi troviate a perdere un’intera giornata di lavoro, rimbalzando alla ricerca dei documenti necessari alla conclusione di un contratto di locazione a canone agevolato.

Nel mio articolo ho messo a tua disposizione alcuni documenti necessari per permetterti di stipulare un contratto di locazione a canone concordato, ho parlato dell’accordo territoriale del Comune di Cesena  e dell’allegato 4 (ex modello N). Nei paragrafi successivi metterò a tua disposizione la restante documentazione per fare in modo di scaricarti il necessario e portare a termine la stipula del contratto di locazione a canone concordato.

come trovare-inquilino affidabile senza sbagliare

Se hai letto l’accordo territoriale e avrai compreso cosa è indispensabile per concludere il tuo bel contrattino, desidero metterti in guardia, ricordandoti che quando andrai da un’organizzazione sindacale come (asppi, caf, acli, patronati, confedilizia, sunia, sicet, ecc ecc) con molta probabilità ti accorgerai anche tu, che ognuno interpreta le linee guida dell’accordo territoriale in modo diverso rispetto all’altro. con la conseguenza che alcuni ti chiederanno di produrre documentazione diversa rispetto ad altri. Il mio consiglio è di telefonare, informarsi e scegliere chi predilige di lavorare meglio, in questo modo girerai e impazzirai molto meno.

Le novità introdotte dall’accordo territoriale

Con il nuovo accordo territoriale stipulato il 19/12/2018 è obbligatoria l’asseverazione del contratto, prima non lo era. Oggi le organizzazioni sindacali autorizzate all’emissione della asseverazione, si assumono la responsabilità di dichiarare che quanto indicato dal locatore è corretto e corrispondente a realtà, ma non è così……… I locatori furbi possono tranquillamente dichiarare il falso nel modello 4 che trovi quì, elementi inesistenti e così facendo otterranno maggior punteggio e riusciranno a rientrare nel contratto di locazione a canone concordato, ottenendo la riduzione dell’aliquota irpef, quella di registro e infine anche dell’imu ne ho parlato quì.

Ma allora a che cosa serve far asseverare un contratto quanto un locatore può tranquillamente dichiarare una cosa diversa? Io lo sò, ma non lo posso dire in questa sede……..quanto ci incontreremo te lo dirò personalmente.

Tuttavia di seguito metto a tua disposizione il modello per la riduzione IMU da consegnare allo sportello facile del Comune di Cesena, questo modello che non viene quasi mai menzionato, molto spesso anche dal tuo commercialista, alcuni non sanno nemmeno dell’esistenza, ti consiglio di scaricarlo quanto prima, ti permetterà di ottenere una consistente riduzione imu scaricati subito il modello, compilalo e consegnalo quanto prima.

I passi da seguire per stipulare il contratto agevolato…. e tanta pazienza…

Si seguito cercherò in modo semplice e coinciso di riassumere step by step i passi necessari per riuscire a calcolare il canone di locazione per il contratto a canone concordato.  Prima di cominciare tutta la pappardella procurati tutti i documenti necessari, preparati a investire un sacco di tempo e di preparati ad avere altrettanta pazienza.

I documenti necessari sono planimetrie o visura (meglio tutte e due “fidati”) se non c’e l’hai puoi richiederla gratuitamente on line qui presso l’agenzia delle entrate, poi trova l’attestato di prestazione energetica (APE o ACE), scaricati tutti gli allegati che ho messo a disposizione in fondo a questa pagina, un bel respiro e si parte….!

Un’altra cosa che devi conoscere, riguarda il tipo di contratto che obbligatoriamente devi usare, non puoi servirti di modelli diversi rispetto a modelli messi a disposizione dal decreto ministeriale DM 16 01 2017. Ne consegue che purtroppo non puoi personalizzare il contratto e adattarlo alla tua situazione personale, a questo punto il mio consiglio è di preparare, a parte, un’integrazione e inserire tutto il necessario per poter stabilire accordi contrattuali specifici fra te e il tuo inquilino.

Per quanto riguarda l’impiantistica, non hai bisogno di recuperare le dichiarazione di conformità perche ti basta dichiarare nel contratto che gli impianti sono a norma. Molto probabilmente alcune organizzazioni sindacali ti chiederanno di consegnargli anche le conformità, ti ricordo come ho indicato sopra e ho scritto in un mio articolo, alcune associazioni sindacali, interpretano le linee guida in modo diverso.

Cosa dice l’accordo territoriale ? “…potrà fornire gli estremi od autocertificare la documentazione amministrativa e tecnica di sicurezza degli impianti e/o di eventuali certificati….”.

Tanta pazienza e cominciamo ….

  1. Calcola la metratura del tuo immobile hai due possibilità la prima dalla planimetria ma è un po’ più complicato oppure ricavala dalla visura catastale, poi deve essere abbattuta del 15%. Dalla visura è più veloce e la superficie risulta maggiore rispetto a quella ricavata dalla planimetria.
  2. Identifica la zona attraverso il modello (allegato 1). individua il foglio ove è ubicato il tuo immobile è indicato nella visura catastale.
  3. Determina i punti che il tuo immobile ha in base agli elementi indicati modello (allegato 3), scarica il documento in fondo a questo articolo.
  4. Individua la fascia di prezzo in base al punteggio che hai ottenuto con l’allegato 3. Scaricati ora il modello preposto (allegato 2), in fondo a questa pagina. Ora identifica in quale fascia si trova il tuo immobile (minima, media, massima)
  5. Moltiplica la metratura in tuo possesso con il valore al metro quadrato indicato nel modello (allegato 2)
  6. Trascrivi e compila il modello 4 (metratura, punti/elementi, fascia di prezzo) vanno riportati ora nel modello preposto (allegato 4 ex modello N) lo trovi in fondo a questo articolo;
  7. Compila in tutti i punti il contratto di locazione, puoi usare solo i modelli messi a disposizione (DM. 16/01/2017) trovi il modello (allegato A) in fondo a questa pagina, ricordati
  8. Compila il modello per l’asseverazione, lo trovi sempre alla fine di questo articolo.
  9. Delega, se mandi un’altra persona al posto tuo per espletare le pratiche, molto probabile ti chiederanno la delega che ho messo a disposizione fra i documenti da poter scaricare.

La tutela del tuo patrimonio immobiliare, è una importante questione che, ultimamente, a causa della sempre più crescente burocrazia e incertezza che contraddistingue i rapporti economici e finanziari, ed a causa altresì del grande aumento delle responsabilità che incombono in capo ai proprietari di immobili, ha assunto una notevole importanza, non lasciare al caso la gestione del tuo patrimonio. Aggiungi valore a quello che fai e rivolgiti ad un professionista che ti assicuri che tutto venga gestito correttamente.

Mi prendo cura degli immobili dei proprietari da oltre 22 anni, al fine di risolvere tutte le problematiche derivanti da: rapporti con gli inquilini e con normative in continua evoluzione, adempimenti fiscali e comunque tutto ciò che necessita per una buona gestione e salvaguardia del patrimonio immobiliare.

Ricorda, la tua casa vale.
Michele Martinazzi.

Avatar

Miki Martinazzi

Miki Martinazzi aiuta migliaia di locatori a trovare l’inquilino affidabile e desiderano sicurezza nel pagamento costante e puntuale del canone di locazione, senza farsi distruggere la casa. Le paure dei Locatori di essere fregati, presi in giro e di non farsi pagare l'affitto dagli inquilini sono finalmente finite grazie alle tecniche che Michele utilizza per garantire ai locatori un affitto sicuro, senza pericoli e senza sbagliare mai. Oggi migliaia di locatori hanno più tempo per la famiglia, per le loro passioni, per i loro hobby e finalmente tempo per se stessi, persino dimenticandosi di avere l'inquilino. Anzi sono i locatori che telefonano una volta all'anno al loro inquilino per sapere come sta, perché non lo sentono mai...!!! Miki Martinazzi, da oltre 22 anni affianca migliaia di locatori che vogliono un esperto al loro fianco su cui contare SEMPRE. Attraverso la sua ultra ventennale esperienza, i costanti aggiornamenti e la continua ricerca per migliorare, Michele ha permesso a moltissimi locatori, di essere finalmente felici e soddisfatti, togliendo finalmente dalle loro spalle, molte preoccupazioni. Sin dal 1996, ha collaborato per affermate Agenzie Immobiliari di Rimini, di Ravenna e di Cesena. Affrontando le sfide più difficili. Dal 1999 ad oggi, svolge l’attività professionale nell’Amata Cesena.

5 pensieri riguardo “Contratto a canone agevolato, spiegato bene e semplice.

  • Pingback:La cedolare secca sugli affitti, significato, calcolo e pagamento!

  • Avatar
    Novembre 10, 2019 in 7:03 am
    Permalink

    Ciao! Il tuo articolo è stato davvero molto utile! Non riesco però a comprendere a chi è in carico il costo dell’asseverazione? Proprietario e/o inquilini? Grazie mille

    Risposta
    • Avatar
      Novembre 10, 2019 in 7:15 am
      Permalink

      Buongiorno Isabella, solitamente per il 90% dei contratti che stipulo, il costo è suddiviso equamente al 50% a ciascuno. Per il restante 10%, paga il proprietario dell’immobile. Tuttavia una regola precisa non c’è, si rimanda alla decisione delle parti.

      Felice giornata
      Miki Martinazzi

      Risposta
  • Avatar
    Novembre 21, 2019 in 3:32 pm
    Permalink

    Complimenti per l’articolo che è davvero completo e molto chiaro e per fortuna l’ho letto prima di far asseverare il contratto.
    Una domanda “pratica”: Durante la registrazione del contratto, mi sono dimenticato di allegare l’asseverazione (lo so.. no comment).
    E’ possibile integrarla andando di persona all’Agenzia delle Entrate o mi devo rassegnare?

    Grazie mille!

    Risposta
    • Avatar
      Novembre 22, 2019 in 3:16 pm
      Permalink

      Gentilissimo Kristian grazie per i complimenti. Ai fini della registrazione non c’è bisogno di allegare la registrazione.
      Se in fase di registrazione l’Agenzia delle entrate non ti ha richiesto copia dell’asseverazione, stai pur tranquillo e non ti preoccupare che non succede assolutamente nulla. Mi raccomando conserva una copia in archivio in caso di necessità.

      A presto
      Miki Martinazzi

      Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *