Come convincere un inquilino ad andarsene, come sfrattarlo e come comportarsi

Se stai cercando di capire come convincere un inquilino ad andarsene, sei nel posto giusto. La maggior parte dei siti internet, ogni giorno “vomitano” articoli scritti da ragazzetti, pagati solo per scrivere notizie immondizia e scopiazzate l’una con l’altra. Questi ultimi sono degli esperti a diffondere solo infomazioni “fuffa” e teoria.

Sono certo che il 99% di questi portali che avrai consultato fino a questo momento, ti avranno consigliato la solita cosa scontata.

L’inquilino non sloggia e vuole andare via?

Questi portali “fuffa” e teoria ti avranno consigliato che in questi casi sarà opportuno rivolgerti ad un avvocato, scrivere una raccomandata A/R o lettera all’inquilino che lo inviterà formalmente a lasciare l’immobile, riempire un modulo di qualche tipo, molto probabilmente che devi agire con una causa di sfratto per finita locazione dove sarà fissata un’udienza e tempo qualche mese il giudice provvederà a convalidare lo sfratto e bla bla bla blaaaaa, tutto scontato, tutto banale.

Ma così sono bravi tutti è ovvio!!! Tuttavia esistono strade molto valide e alternative che il 99% della massa non utilizza e non ha nemmeno voglia e interesse di consigliarti. Vuoi sapere perché?

Te lo spiego subito. Siamo e viviamo in un sistema economico e sociale fatto con lo stampino, dove la massa si sposta similmente alla transumanza delle pecore e quindi osare ad allontanarsi da questa, significa ritrovarsi in sentieri complessi e fitti di ostacoli da superare.

In sostanza avviare una procedura Legale sono bravi tutti, ma i tempi, i costi economici, la burocrazia e la Giustizia Italiana sappiamo tutti come funzionano.

Oggi non ti parlerò di articoli del Codice Civile 1590 e (Restituzione della cosa locata) o 1599 (diritto di rimanere nell’immobile) non ti parlerò nemmeno di sfratto per finita locazione.

Qui sei nel Blog di Miki Martinazzi, un posto speciale dedicato solo ai proprietari svegli e lungimiranti.

Un posto pensato solo per i proprietari che stanno cercando risposte non scontate che cambieranno la loro vita.

Mettersi in gioco e non accontentarsi mai, soprattutto se l’inquilino si comporta male in casa tua, i diritti del locatore sono sacri e inviolabili.

Voi vincere ? Il conduttore non sloggia dal tuo immobile?
Esistono centinaia di leve psicologiche, trucchi e motivi validi per mandare via di casa l’inquilino…

Purtroppo nel nostro sistema sociale, il 99% dei professionisti ha il paraocchi e non ha voglia di mettersi in gioco, è troppo rischioso e tale scelta richiede di avere un obbiettivo chiaro, richiede sforzo quotidiano, tanto studio, impegno, costanza e determinazione.

Assumersi la responsabilità di tentare strade alternative e sconosciute, significa anche rischiare di fare “fiasco” e rimetterci la faccia o la reputazione, quindi alla massa non piace rischiare, preferisce camminare in un sentiero scontato, conosciuto e già battuto da altri prima di costoro.

La maggioranza degli incravattati dietro alle scrivanie non appena terminano il ciclo scolastico non ne ha più voglia di continuare a studiare. Costoro pensano che terminati gli studi, sarai a posto per sempre.

Oggi viviamo in una società che ha paura di esporsi e mettersi in gioco. Meglio nascondere la testa sotto alla sabbia.

Ma è qui che entra il gioco il professionista a cui piace superare le difficoltà e le avversità.

Vincere significa alzarsi la mattina con un obbiettivo chiaro nel cuore, significa tenacia quotidiana, forza di volontà e spingersi dove gli altri non hanno il coraggio di osare. Ricorda: chi la dura la vince!!!

Nella scala del successo l’ultimo piolo non è mai affollato!!!

Miki, Come posso mandare via un inquilino prima della scadenza del contratto?

Forse l’inquilino chiede soldi per andarsene? Questo significa che costui si sente in una posizione dominante rispetto al suo locatore.

Moltissimi proprietari purtroppo, mi dispiace dirlo, sbagliano approccio con i loro affittuari fin dal primo giorno e questi ultimi, non appena avranno firmato il contratto di affitto, consegnato il deposito cauzionale e preso possesso delle chiavi, tempo qualche mese, se non tenuti a bacchetto e non li sai “tenere al collare”, si comporteranno da padroni di casa.

Miki quando non si può sfrattare l’inquilino?

Ecco alcuni esempi pratici.

Quando il contratto di locazione è ancora valido e non scaduto, sfrattare l’inquilino è molto molto complicato.

Non è impossibile certo, ma è molto complicato. In questi casi, nella maggioranza delle volte il contratto di locazione deve essere onorato.

Tuttavia, ci sono casi in cui il locatore potrebbe aver bisogno di entrare in possesso dell’immobile il prima possibile. In questi casi allora, il proprietario dovrà farsi affiancare passo passo da un esperto specialista.

E’ fondamentale e di vitale importanza che questi ultimi insieme, pianifichino una strategia personalizzata senza che essa lasci nulla al caso.

L’inquilino chiede soldi per andarsene ?

Tutto va pensato e studiato per tempo nei minimi dettagli.

Anche una semplice telefonata o una lettera di qualche tipo indirizzata all’inquilino, va ragionata strategicamente per fare in modo che essa, ottenga una risposta, un risultato.

Sei un proprietario che ha il contratto di affitto scaduto? In questi casi tutto dipende dall’urgenza che il proprietario ha di mandare via un inquilino dalla casa affittata. In questa ipotesi ci si configura dinnanzi a occupazione senza titolo.

La prima domanda che io porrei a me stesso è: quanto tempo sono disposto ad aspettare per riottenere il mio immobile?

Qualora la risposta fosse qualche mese, anziché finire in tribunale è possibile intraprendere scelte diverse ed economicamente molto meno dispendiose.

Anche in questi casi è fondamentale farsi affiancare passo passo da uno specialista e pianificare una strategia che vada a toccare leve precise e taglienti che permettano di influenzare l’affittuario.

Naturalmente non posso rivelarti cosa fare e come farlo, immagino capirai che il frutto dei risultati derivanti dalla mia esperienza, non voglio e non posso diffonderli in un articolo gratuito che verrà visto da migliaia di locatori ogni mese.

Se l’inquilino si comporta male e ti sta facendo vedere i “sorci verdi”

Caro locatore, ti trovi forse in una fase in cui il tuo inquilino ha violato i termini del contratto di locazione? In questi casi, la prima domanda che io porrei a me stesso é: perché il tuo inquilino non sta onorando gli impegni assunti? Perché costui sta opponendo resistenza ?

Forse l’inquilino sta vivendo una situazione economica difficile ? Oppure una situazione famigliare complessa?

Con questo sto cercando di dirti caro lettore che prima di intraprendere qualunque provvedimento, devi trovare i motivi per cui questo personaggio si sta comportando con te in questo modo. Successivamente allora sarà molto più semplice e risolutivo trovare la soluzione eccellente.

Caro proprietario, se non sai da quale parte iniziare e desideri risolvere il tuo problema senza finire in Tribunale, compila il questionario gratuito per prenotare una chiamata conoscitiva ed entrare in contatto con me o con un mio esperto, sono certo che una soluzione al tuo problema la troveremo. Clicca qui.

Sono disponibili solo 16 chiamate conoscitive al mese.

Un caro saluto
Miki Martinazzi

Miki Martinazzi

👉👉 Miki Martinazzi è consulente, specialista e punto fermo nel mercato delle locazioni abitative sicure. Le sue strategie, l'ultra ventennale esperienza e la sua specializzazione consente ad ogni locatore, di mettere in sicurezza ogni contratto di affitto e blindare ogni locazione, rendendola longeva e profittevole.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *